7 obiettivi di social media per la tua attività (e come tracciarli)

La cosa più bella di scrivere questi articoli è la possibilità poterti aiutare ad avere successo sui social media. Una parte fondamentale del successo sui social media è sapere quali obiettivi fissare per la tua strategia di social media.

Senza obiettivi, è difficile sapere come sta andando la tua strategia sui social media, e dove stai sbagliando in modo da poterti correggere.

Oggi mi piacerebbe condividere con te degli obiettivi sui social media facili da realizzare e che puoi utilizzare per raggiungere grandi risultati. In totale, analizzerò 7 obiettivi molto diversi tra loro, ma efficaci.

obietti-sui-social-media

7 obiettivi sui social media per far crescere la tua attività (e come tracciarli)

I social media non sono solo uno strumento di marketing, possono interessare quasi tutte le aree di un’azienda. Ad esempio, come nel rapporto sullo stato dei social media di Buffer, i social media sono indicati come un canale chiave per la consapevolezza del marchio, coinvolgimento del pubblico, generazione di lead, supporto clienti e molto altro ancora.

ragioniperesseresuisocialmedia
source: buffer.com

Quindi, sappiamo che i social media possono aiutare la tua attività in molti modi, ma come possiamo assicurarci di ottenere il maggior valore possibile dal tempo e dalle risorse che investi nei social media?

Un modo è quello di fissare degli obiettivi. Se vuoi rimanere motivato e ottenere più risultati per la tua azienda attraverso i social media, i tuoi obiettivi devono essere S.M.A.R.T. 

Ma quali obiettivi fissare?

Di seguito ti spiego 7 obiettivi da impostare sui social media per aiutarti a massimizzare i tuoi guadagni:

1. Consapevolezza del marchio

La consapevolezza del marchio o brand awareness, è una delle ragioni principali per cui i marketer utilizzano i social media. È facile capire il perché: In media in Europa le persone spendono circa due ore sui social media giornalmente.

I social hanno anche permesso agli esperti di marketing di avere una comprensione più quantitativa della presenza e della portata del loro marchio nel mondo online. La maggior parte delle piattaforme di social network fornisce dati sulla portata dei tuoi contenuti, permettendoti di conoscere la tua presenza online in modo più accurato.

Metriche potenziali per misurare la consapevolezza del marchio

  • I follower contano: “Quante persone puoi potenzialmente raggiungere?”
  • Copertura dei tuoi post sui social media: “Quante persone hai raggiunto ogni giorno / settimana / mese?”
  • Menzioni, condivisioni e RT – “Quante persone parlano del tuo marchio o condividono i tuoi post sui social media?”

Come monitorare la consapevolezza del marchio:

Mentre la maggior parte delle piattaforme di social media fornisce analisi native, gli strumenti di gestione di terze parti semplificano di molto il monitoraggio e il reporting delle metriche di consapevolezza del marchio. Ad esempio, utilizzando SproutSocial, puoi scoprire la crescita e la portata dei tuoi follower sulle varie piattaforme.

follower-e-reach-sprout-social
source: sproutsocial.com

2. Indirizzare il traffico verso il tuo sito web

Un altro obiettivo di essere sui social media è quello di attirare visitatori sul tuo sito Web o blog, e trasformarli in clienti.

Tre esperti di marketing su cinque utilizzano i social media per distribuire i loro contenuti e indirizzare il traffico verso i loro siti. Il team di HubSpot, ad esempio, ha aumentato il traffico blog mensile del 241% in otto mesi attraverso esperimenti sui social media.

Metriche da considerare per misurare il traffico:

  • Traffico dai social media – “Quanti visitatori provengono dai tuoi canali di social media?”
  • Traffico complessivo – “Quanto del tuo traffico complessivo rappresenta i social media?”
  • Frequenza di rimbalzo sui social media – “Qual è la qualità del traffico dai social media?”
  • Clic sui tuoi post sui social media – “Che qualità hanno i tuoi post sui social media?”

Come misurare il traffico del tuo sito:

Google Analytics è probabilmente uno degli strumenti più semplici per tracciare il traffico web. Ti fornisce informazioni sul traffico del tuo sito o blog da varie fonti, inclusi i social media.

Per capire il traffico dai tuoi canali social, vai su Acquisizione> Tutto il traffico> Canale.

Questa vista mostra il numero di visite da ciascun canale, la quota di traffico complessivo (la percentuale tra parentesi), la frequenza di rimbalzo e altro. Ad esempio, nell’immagine sopra, puoi vedere che i social media hanno generato circa 46.000 visite, che rappresentano circa il 4 percento del traffico.

Puoi suddividere ulteriormente questi dati in Google Analytics facendo clic sul link “Social” e vedendo quali piattaforme indirizzano quel traffico:

3. Generare nuovi lead

La generazione di lead viene in genere utilizzata da aziende con un lungo processo di vendita, come le società di software aziendali.

Secondo HubSpot,

È un modo per riscaldare i potenziali clienti della tua attività e portarli sulla strada dell’acquisto.

Questo “percorso” è essenzialmente la tua canalizzazione di vendita. Con l’enorme numero di persone che puoi raggiungere, i social media possono essere un ottimo strumento per portare le persone in cima alla tua canalizzazione (o riscaldarle per la tua attività).

La definizione di lead è piuttosto ampia, ma di solito significa che la persona ha fornito alla tua azienda una qualche forma di informazione su di sé come il suo nome, indirizzo e-mail o altro. Esistono molti modi per tenere traccia degli sforzi di generazione dei lead dei social media e l’elenco che segue include alcune delle metriche più comuni da tracciare per identificare i lead dei social media.

Possibili metriche da tenere in considerazione per tracciare la generazione di lead:

  • Informazioni personali (di solito indirizzi e-mail) raccolte attraverso i social media – “Quanti contatti hai raccolto attraverso i social media?”
  • Download dei tuoi contenuti previa registrazione: “Quante persone hanno visitato i social media e scaricato i tuoi contenuti dopo essersi registrati?”
  • Partecipazione – “Quante persone hanno partecipato ai tuoi concorsi o eventi sui social media e condiviso le loro informazioni con te?”
  • Clic sui tuoi post sui social media di generazione di lead: “Che qualità hanno i tuoi post?”
  • Conversioni di lead dai social media – “Che tipo di  lead ricevi dai social media?”

Come monitorare la generazione di lead sui social media:

Google Analytics è estremamente versatile se hai impostato gli obiettivi di conversione, in questo modo puoi monitorare l’efficacia della tua generazione di lead sui social media utilizzando i rapporti di Google Analytics. (Se non hai ancora impostato alcun obiettivo di conversione in Google Analytics, ecco una guida completa su come farlo.)

Dopo aver impostato un obiettivo di conversione, per visualizzare i rapporti, vai su Acquisizione> Sociale> Conversioni in Google Analytics e assicurati di selezionare l’obiettivo di conversione che stai cercando di misurare. Dovresti quindi vedere una schermata come questa:

Il rapporto sulle conversioni ti mostrerà quindi quanti lead portano i tuoi canali di social media o quale canale sta portando il maggior numero di lead.

Altri strumenti di analisi come KISSmetrics e Mixpanel possono darti queste informazioni (e forse in maggior dettaglio).

4. Aumentare le entrate (aumentando le iscrizioni o le vendite)

Se il tuo funnel di vendita non è lungo, puoi utilizzare i social media per trasformare direttamente il tuo pubblico in clienti paganti. Ad esempio, le pubblicità sui social media, come gli annunci di Facebook, sono una strategia sempre più popolare per aumentare le vendite.

Possibili metriche da considerare per misurare la crescita delle entrate:

  • Iscrizioni / guadagno – “Quante iscrizioni o quanto guadagno stanno generando i tuoi canali di social media?”
  • Guadagni derivanti dalla pubblicità – “Quanto guadagno ti porta la pubblicità sui social media?”

Come monitorare la crescita delle entrate:

Ancora una volta, puoi tenere traccia delle entrate in Google Analytics impostando una nuova conversione all’obiettivo. Ma questa volta, dovrai assegnare un valore in dollari a ogni conversione:

Se sei un sito di e-commerce, il monitoraggio e-commerce di Google Analytics potrebbe essere più appropriato. E se stai utilizzando annunci di Facebook, puoi anche impostare il monitoraggio delle conversioni con il Pixel di Facebook e attribuire un valore alle conversioni. Ecco una guida per principianti al Pixel di Facebook di Shopify.

5. Promuovi il coinvolgimento del tuo marchio

Coinvolgere il pubblico è il secondo motivo principale per cui gli esperti di marketing utilizzano i social media. Diversi studi hanno evidenziato che le interazioni sui social media migliorano la percezione del marchio, la lealtà e il passaparola.

Inoltre, gli algoritmi dei social media, come quelli su Facebook e Instagram,danno la priorità ai post con un maggiore coinvolgimento nei loro feed a causa della convinzione che gli utenti saranno più interessati a vedere contenuti altamente coinvolgenti.

Per riassumere, se vuoi che le persone vedano i tuoi post sui social media, devi produrre contenuti coinvolgenti e rispondere alla tua community.

Metriche potenziali per misurare il coinvolgimento:

  • Mi piace, condivisioni e commenti per post – “Quante persone interagiscono con i tuoi post sui social media?”
  • Menzioni e risposte – “Quante persone citano il tuo marchio e a quante hai risposto?”

Come monitorare il coinvolgimento:

Proprio come le metriche di consapevolezza del marchio, puoi monitorare manualmente le metriche di coinvolgimento attraverso le stesse piattaforme di social media (Facebook Insights o Twitter analytics, ad esempio) oppure puoi utilizzare uno strumento di gestione dei social media per aiutarti. 

6. Costruisci una comunità attorno alla tua attività

Monitorare il tuo pubblico, come follower e fan totali, è fantastico, ma avrai notato un aumento del numero di community chiuse e chat su cui le aziende si sono concentrate negli ultimi anni. Abbiamo ad esempio, community su Slack, Telegram e gruppi chiusi di Facebook.

Gli obiettivi che puoi impostare per queste comunità potrebbero sembrare molto diversi dagli obiettivi generali di crescita di fan / follower, e naturalmente, il tipo di comunità che scegli di costruire avrà un effetto sulle metriche per le quali scegli di misurare il successo.

Ecco un elenco per iniziare:

Possibili metriche per tracciare la tua community:

  • Per i gruppi di Facebook: numero di post, Mi piace e commenti: “Quanto è coinvolta la tua community?”
  • Per le chat di Twitter: numero di partecipanti e tweet per partecipante: “Quante persone sono coinvolte nelle chat di Twitter e quanto sono coinvolte?”
  • Per le comunità Slack: numero di utenti attivi giornalieri – “Quante persone sono attivamente coinvolte nella tua comunità Slack?”

Come tracciare i tuoi sforzi di community building:

Esistono tanti strumenti che possono aiutarti a tenere traccia di questi dati automaticamente. Per i gruppi di Facebook, ci sono Grytics e Community Analytics. Per le chat di Twitter, ci sono Keyhole e Hashtracking. Sebbene la maggior parte di questi strumenti non siano gratuiti, forniscono prove gratuite per verificare se soddisfano le tue esigenze.

hashtag-analytics

Se al momento non disponi del budget per questi strumenti, il vecchio e caro foglio Excel può fare al caso tuo. Tracciare manualmente i tuoi dati ti può aiutare a capirli meglio all’inizio (anche se alla fine potrebbe diventare troppo noioso).

7. Servizio clienti sui social media

Avere un buon servizio clienti sui social media può aiutare ad aumentare le entrate, il punteggio di soddisfazione dei clienti e la fidelizzazione. In uno studio di Bain&Company su 362 aziende intervistate l’80% è convinta di offrire un servizio clienti sui social media eccezionale, mentre secondo i clienti solo l’8% fornisce questo servizio di eccellenza.

La tendenza delle persone a rivolgersi ai social media per l’assistenza ai clienti continuerà probabilmente e penso che ci sia ancora un’enorme opportunità per la tua azienda per differenziarti dai tuoi concorrenti con un ottimo servizio clienti sui social media.

Metriche per tracciare l'efficacia del servizio clienti:

  • Numero di richieste di supporto: “I clienti chiedono aiuto sulle tue pagine social?”
  • Tempo di risposta: “Quanto velocemente rispondi ai tuoi clienti?”
  • Punteggio di soddisfazione del cliente (CSAT) – “Quanto sono soddisfatti i tuoi clienti del tuo servizio?”

Come misurare l'efficacia dell'assistenza clienti:

Se hai un basso volume di richieste di assistenza da parte dei tuoi clienti sui tuoi canali di social media, potresti tracciare manualmente il numero di domande di supporto e i tempi di risposta. In caso contrario, l’utilizzo di uno strumento per l’assistenza dei clienti sui social media probabilmente sarà più efficiente. Ad esempio, con Respond puoi accedere ai dati, come “tempo medio alla prima risposta”.

Quali sono i tuoi obiettivi sui social media?

Con il mondo dei social media che cambia rapidamente, nuovi obiettivi e modi di misurarli nascono regolarmente, e mi piacerebbe sapere su quali obiettivi ti stai concentrando attualmente:

  • Quali obiettivi sui social media usi?
  • Quali nuovi obiettivi sui social media emergeranno nel 2020 e perché?

Non vedo l’ora di sapere la risposta nei commenti qui sotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.