GUIDA COMPLETA ALL’INFLUENCER MARKETING - November 2019

Dieci anni fa, il mercato dell’influencer marketing era limitato solo alle celebrità e ad alcuni blogger famosi. Oggi, sembra il contrario, gli influencer sono in crescita, saturano il mercato e alcune volte possono essere anche coinvolti in truffe.

Se hai già iniziato a fare ricerche su come utilizzare gli influencer per il tuo brand, potresti aver trovato informazioni contrastanti, con raccomandazioni che vanno dal dovrebbero assolutamente essere utilizzati o che non siano necessari per la crescita.

Le strategie dell’influencer marketing se usate bene possono portarti tanti vantaggi, ma sono anche difficili da padroneggiare, ecco perchè sono qui con questa guida per aiutarti a comprendere questa tecnica di marketing.

Continua a leggere per scoprire se i miei suggerimenti sono adatti per te.

La situazione attuale: il panorama dell’influencer marketing

Distinguersi nel 2014 su Instagram era molto più facile di adesso. Bastava comparire sulla pagina in evidenza di Instagram o avere un look intrigante per essere un influencer.

Il feed Instagram di Rosie Clayton è pieno di abiti colorati muri colorati. Durante il periodo in cui i filtri ad alta saturazione di VSCO stavano diventando popolari, le foto altamente saturate di Rosie divennero popolari.

Ma le cose cambiano, giusto?

Siamo influenzati da ciò che vediamo e l’estetica non è diversa. Immagini chiare e nitide sono la norma come il cibo messo in contrasto con sfondi interessanti. Ma quando questo non diventa più unico, cosa succede?

L’articolo di Taylor Lorenz sul The Atlantic ci dice che prevede una tendenza indirizzata al ritorno delle origini guidata dalla nuova generazione che vorrebbe  Instagram degli albori. Lorenz ha scritto:

“While Millennial influencers hauled DSLR cameras to the beach and mastered photo editing to get the perfect shot, the generation younger than they are largely post directly from their mobile phones.”

Per essere un influencer in questa nuova generazione, non è più necessario fare affidamento su foto perfette. Invece le pose casuali, l’editing limitato stanno diventando il must nei nostri feed.

Tieni presente che questo articolo copre un sottoinsieme di influencer: i giovani utenti su Instagram. Le strategie di cui scriverò qui sotto possono essere usate anche su altri social network. Il motivo per cui non troverete esempi su Facebook e che non è più alla moda per le nuove generazioni, Instagram invece anche per il 2019 dovrà essere nelle vostre strategie.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text] 

Il valore dell’influencer marketing

Mentre l’influencer marketing su Instagram è una strategia ben nota, ci sono altri social network che stanno crescendo. Secondo Adweek, questa industria dovrebbe raggiungere i 10 miliardi di dollari entro il 2020. Altri social come Snapchat, YouTube e TikTok hanno il proprio set di influencer con diversi dati demografici.

influencer marketing roi survey

source mediakix.com

 

L’agenzia di marketing Mediakix ha intervistato i marketer alla fine del 2018 per vedere quali eranole loro sensazioni per il nuovo anno.

Degli intervistati, l’89% ha dichiarato che il ROI derivante dall’influencer marketing era comparabile o migliore di altri network. Lo stesso sondaggio ha rilevato che il 65% degli esperti di marketing prevede di aumentare i propri budget per il 2019.

E ora che hai scoperto le potenzialità dell’influencer marketing, vediamo come creare una strategia.

1. Ricerca

 
Proprio come qualsiasi strategia, la ricerca è il primo passo. Scegli per prima il network su cui vuoi concentrarti. Puoi sempre espanderti su altri social network in un secondo momento, ma se hai appena iniziato, inizia con uno. Idealmente, il tuo marchio dovrebbe già essere presente su questo social ed avere una chiara idea dei dati demografici di esso.

Anche il settore in cui ti trovi è importante. I marchi di bellezza e moda brillano su Instagram e YouTube. L’industria dei videogiochi domina su Twitch.

Durante la tua fase di ricerca, esamina il tipo di influencer a cui sei interessato. Stai andando per celebrità con tanti followers? O microinfluencer con meno di 2000 follower? Forse qualcosa nel mezzo nell’intervallo di follower 5–10k è più la tua preferenza. Qualunque cosa tu decida, determinerà il tuo budget.

Anche il compenso varia in modo da un estremo ad un altro, quindi assicurati di guardare le tariffe comuni per questi tipi di influencer. I microinfluencer tendono a concentrarsi su alcuni argomenti e ad accettare prodotti. Alcuni microinfluencer funzionano in modo indipendente mentre altri possono essere rappresentati da un’agenzia o un network. Considerando che anche le grandi celebrità avranno bisogno di un compenso, potrebbero passare attraverso un’agenzia anche loro.

La ricerca è fondamentale e ti ritroverai a tornare su questo passaggio molto spesso.

2. Imposta un budget e determina il compenso

 
Ora che hai qualche idea su quanto pagare il tuo influencer,  hai bisogno di creare anche il tuo budget. Assicurati di tenere conto anche del tempo necessario per pianificare, eseguire e rivedere la tua strategia. Gestire una campagna di marketing influencer di successo non è un tipo di strategia “imposta e vai”. Implica un attento monitoraggio e follow-up.

A differenza di una strategia pubblicitaria automatizzata, gli influencer sono umani e spesso si destreggiano tra più partnership, quindi alcuni potrebbero rimanere indietro nei loro impegni di pubblicazione o fare errori nei tag richiesti o inviti all’azione. Dovrai essere alla mano con queste relazioni per coltivarle e perfezionarlenel tempo e capire cosi cosa funziona e cosa non funziona.

Se hai tempo e denaro, prendi in considerazione l’idea di creare un programma ambassador. Fujifilm utilizza i suoi ambasciatori per il lancio di nuovi prodotti e per integrare il proprio contenuto. Con una varietà di fotografi e videografi a propria disposizione, Fujifilm è in grado di diversificare il proprio feed per mostrare cosa può fare la sua attrezzatura.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text]

3.Decidi gli obiettivi e il messaggio

 
I due motivi principali per l’utilizzo di influencer sono aumentare la consapevolezza del marchio e aumentare le vendite. Tuttavia, invece di impostare questi obiettivi generali come i tuoi obiettivi, sarà più efficace perfezionare la tua strategia adattandola al tuo marchio. Forse vuoi aumentare la tua base di clienti in un contesto demografico più giovane. Oppure vuoi espanderti in un nuovo gruppo di utenti con un nuovo prodotto. Oppure vuoi saltare le tendenze e utilizzare gli influencer per parlare dei valori del tuo marchio.

Il tuo messaggio è importante quanto il tuo obiettivo. Anche se non vuoi soffocare la creatività e l’unicità di un influencer, non vuoi nemmeno che pubblichino qualcosa di estraneo alla tua campagna e al messaggio che vuoi mandare.

4.Trovare gli influencer e contattarli

 
Torniamo ora al primo punto: la ricerca. Con la tua strategia impostata sul tuo network, obiettivi e al tipo di influencer desiderati, torniamo effettivamente alla ricerca per trovare quelli giusti per te.

Durante questa ricerca, tieni presente questi punti:

          • L’influencer pubblica già cose simili al tuo servizio? Ad esempio, se sei un ristorante e desideri promuovere un nuovo menu, dovresti cercare influencer che pubblicano regolarmente sul mangiare fuori e sul cibo che mangiano.
          • Sono legittimi? Ciò significa scorrere i loro feed e controllare i post. Un rapporto di coinvolgimento scarso rispetto al conteggio dei follower e commenti simili a spam sono segni di un account fraudolento.
          • Hanno già lavorato con marchi simili? A seconda del tipo di influencer che stai cercando, uno esperto sarà in grado di mostrarti un kit stampa che contiene un portfolio del loro lavoro. Più investi in un influencer, più vorrai controllare che abbiano le carte in regola.

Successivamente, scegli come contattarli. Per i microinfluencer, è possibile di solito contattarli tramite un messaggio privato sulla stessa piattaforma. Per quelli più affermati, fai clic sul loro profilo e potresti trovare le informazioni di contatto per le domande commerciali nella loro biografia.

5. La strategia non è statica, puoi cambiarla in corsa

 
Esistono vari modi per misurare il successo della tua campagna. Puoi creare un hashtag specifico per tenere traccia di ciò che stanno facendo i tuoi influencer. Oppure controllare le menzioni e/o parole chiave su Twitter. Se vuoi maggiori vendite, distribuire codici di affiliazione o link di monitoraggio è un modo semplice per vedere quanto viene generato da loro.

Conclusioni

Gli influencer sono qui per restare, ma come evolverà il mercato in 5 anni potrebbe essere diverso da come sia oggi. Questa guida ti aiuterà a costruire la tua  prima strategia di influencer marketing. Mentre ci sono alcune considerazioni uniche nel lavorare con gli influencer, la creazione di una campagna è la stessa della maggior parte delle campagne di marketing: ricerca, impostazione di un budget, determinazione degli obiettivi, ricerca degli influencer, revisione e riconsiderazione.

Il successo varia tra differenti campagne, quindi non rinunciare se la prima è un fallimento. Potresti scoprire che l’incorporazione di influencer nella tua strategia di marketing è estremamente vantaggiosa.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]